.
Annunci online

  garbage [ Le scopazze più belle del mondo ]
         



Email: garbage.a@libero.it



Musica
Garbage
Blackfield
Gabin
Feist

Lenny Kravitz
Matia Bazar
Mina
Thievery Corporation
Saint German
Gotan Project
Madonna
Cafè del mar
Battisti
Mango
Dido
Eurythmics
Diego Mancino
Santana



Film
Me and you and everyone we know
Guerre stellari
La storia infinita
La meglio gioventù
Amici miei
La finestra di fronte
Lezioni di piano
La bestia nel cuore
Mare dentro
I Goonies
I mostri
Quel che resta del giorno
La grande abbuffata
Frankenstein Junior
Le invasioni barbariche
Ritorno al futuro
Balle Spaziali
Million dollar baby
The ring
The village
The others



Le Perle
"Che schifosa! Un film di e con Angela!" Gere
"Ma dove sta l'Ucraina? Ma tutte 'ste donne da dove vengono??" Vale
"Il quadro è caratterizzato da linee ortopediche" Angela
"Ma ci pensi che in tutta la mia vita non riuscirò mai a guardare la mia schiena con i miei occhi?!" Angela




Libri
La mia famiglia e altri animali, Gerrard Durrel
Il giro del mondo in 80 giorni, GIulio Verne
Blade Runner, Philip K. Dick
La storia infinita, Michael Ende
Il gabbiano Jonathan Livingston, Richard Bach
La storia, Elsa Morante
Gli indifferenti, Moravia
Cent'anni di solitudine, Marquez
L'uomo che leggeva romanzi d'amore, Sepulveda



Hobbies
Correre in bici
Andare al cinema
Prendere l'aperitivo in piazza
Dormire
Collezionare cataloghi
Scrivere racconti


Locations of visitors to this page











6 giugno 2007

Piccoli pubblicitari crescono.

Giovedì scorso sono uscita presto dal lavoro: dovevo tornare a casa, mangiare e preprarare la valiga che ovviamente faccio sempre all’ultimo. Alle 21 ero in stazione centrale, insieme ai miei oramai ex compagni di classe, pronta per la prima trasferta. Dico “prima” sperando che ce ne sia un’altra più avanti!
Saliti sul treno ci siamo impossessati con la velocità di Flash (inimicandoci subito gli altri passeggeri) delle nostre cuccette. Da quanto non viaggiavo in cuccetta! Quanti ricordi! :°)
Alle 23 stavo già ronfando! Dovete sapere che io sono la versione femminile del Nongio, quel personaggio che bazzicava nei programmi di MTV e faceva la parte del ragazzo vecchio, che non andava in discoteca, che non fumava canne, che non faceva tardi ecc. Ecco, io spesso sono la Nongia! Quindi, mentre gli altri si facevano canne e bevevano come ossessi rimanendo svegli fino alle 4, io ero distesa su quella specie di letto guardando il paesaggio e le stazioni. Vabbè, non c’è legge che dica che bisogna per forza cazzeggiare quando si va in gita no?
Alla mattina ci siamo svegliati a Salerno. Distrutti.
Una cosa ci ha fatto subito riprendere dalla nottataccia scomoda: il mare e con esso il sole.
Abbiamo fatto colazione guardando l’orizzonte, le navi, la spiaggia, il mare (VERO!) e la splendida città di Salerno.
Passeggiando verso l’ostello eravamo tutti più felici e rilassati: la giornata sarebbe stata spettacolare.
Salto la descrizione della camera nostra, non perché fosse brutta anzi l’ostello era davvero molto carino, ma perché l’abbiamo ridotta in un modo indecente (ogni giorno mi aspetto una telefonata di lamentele!). Salto anche la descrizione di Salerno, di quanto è bella, di quante cose buone ci sono da mangiare, di come la vita è splendida e non costa niente. Ci tornerò al più presto.
Passo subito alla premiazione! Sì perché a Salerno ci siamo andati per ritirare i nostri premi e le nostre menzioni speciali ottenute partecipando ad un concorso nazionale di pubblicità, ovviamente.
Eravamo al Teatro Verdi, insieme a diversi pubblicitari importanti, studenti che venivano da tutta Italia e ai nostri lavori appesi e messi in mostra. La premiazione è stata divertente, piena di grida di esaltazione e di orgoglio.
Raccolte tutte le nostre cose siamo tornati all’ostello a prepararci e infighettarci! Alla sera avevamo la cena di gala offerta dall’organizzazione che ha promosso il concorso in un hotel da paura in riva al mare! (http://www.lloydsbaiahotel.it/index.html)
Abbiamo mangiamo come maiali, quasi tutto a base di pesce, di VERO pesce, e bevuto vino bianco da far schifo. Ho riso tanto, ero felice di tutto quello che vedevo e toccavo e pensavo che da qui in avanti potrebbe andare tutto così, nel verso giusto.
Dopo la cena siamo tornati in centro: era venerdì sera e le strade erano piene di ragazzi (pieno di boni) davanti ai locali vicino al lungomare. Ma che vita fanno questi? Mio dio quanto li ho invidiati.
Bevuto un’altra cosetta giusto perché avevamo uno spaziettino siamo tornati all’ostello a dormire.
Il giorno dopo con calma ci siamo fatti le valigie, abbiamo fatto colazione di nuovo di fronte al mare e poi siamo andati in stazione. Due palle il viaggio di ritorno fino a Milano, l’unica cosa positiva è stata il cambio del treno a Napoli. Due ore per aspettare l’eurostar giusto giusto per l’ora di pranzo. Così ne abbiamo approfittato per mangiare. Cosa? La pizza!


E’ stato il week end del bere e del mangiare (e del NON cagare) in un posto da favola ma la cosa più bella in assoluto è che ce l’ha pagato tutto l’Accademia!Mhaumuahuamhumahmuahmahuumah.




permalink | inviato da il 6/6/2007 alle 20:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 


Ultime cose
Il mio profilo




AVVERTENZE PER L'USO

Beppe Grillo
Corrado Guzzanti
Castle Rock Forum
Selvaggia Lucarelli
Adci
Sabina Guzzanti
Marco Paolini
Blob
Luca Viscardi
Stefano Bollani

MuZical Prostitute
Larvotto
ConsorzioManzetti
Boutique Al Sole
Paciugo
Il Trimone
Gattònico
Cristina
Vittorio
avreivoluto
Tr3
solonellamiamente

bloggafous
Ombra
sonopazzo
marmax
lahaine
reiko
Picqua
ilblogdibarbara
hellsnymph
Irlanda
principessalea
leporelli
lapegiulia
lucabagatin
oblomov
Nicola
Myriam
Dinodrillo
debosciato team
cp
Patamelieblog
scartissue
WANNAdeiMIRACOLI
oberoff
NadirMotel
anarchic
gattopesce
Bifidus
mappotto
camomillo
ilgattodiFerrara
grappolidicocco
VERTIGO
creep
codadilupo
sagredo


Blog letto 194569 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom